Rifiuti

Il Servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti della Città di Pescara è affidato ad AMBIENTE spa (ex ATTIVA SPA) che nasce come società per azioni, con capitale sociale interamente di proprietà del Comune di Pescara.

Raccoglie l’eredità di SIAP per sostituire il servizio in precedenza svolto direttamente dal Comune. Attualmente, con oltre 120 dipendenti, ATTIVA si colloca come unico operatore comunale nella gestione integrata dei servizi di igiene ambientale, così come descritti nella specifica pagina di riferimento.

Uno dei principali obiettivi perseguiti da AMBIENTE spa, nell’ambito delle proprie competenze, è conservare ma soprattutto migliorare la qualità ambientale della città di Pescara. In tal senso, l’attività di raccolta differenziata dei rifiuti, avviata già da diversi anni, grazie anche alla sensibilità dei cittadini, riveste una grande importanza.

A tal riguardo Attiva sta curando uno specifico piano che permette di incrementare la quantità dei materiali raccolti grazie al servizio di raccolta “porta a porta”. Tale modalità consente di intercettare in modo significativo ed efficace materiali come l’umido e il secco residuo, ma anche la carta e la plastica, che vengono raccolti direttamente presso il domicilio dell’utente grazie ad una dotazione dedicata di contenitori già distribuiti da Attiva in diverse zone della città.

link al sito della società AMBIENTE spa

CORRETTO SMALTIMENTO DI MASCHERINE E GUANTI USATI

A scopo cautelativo fazzoletti o rotoli di carta, mascherine e guanti eventualmente utilizzati, dovranno essere smaltiti nei rifiuti indifferenziati. Inoltre dovranno essere utilizzati almeno due sacchetti uno dentro l’altro o in numero maggiore in dipendenza della resistenza meccanica dei sacchetti. Si raccomanda di chiudere adeguatamente i sacchetti, utilizzando guanti monouso, senza comprimerli, utilizzando legacci o nastro adesivo e di smaltirli come da procedure già in vigore (esporli fuori dalla propria porta negli appositi contenitori, o gettarli negli appositi cassonetti condominiali o di strada)

 

 

Gestione dei DPI anticovid-19 delle Attività Produttive

 

Regione ABRUZZO VADEMECUM 2
Gestione dei DPI anticovid-19 delle Attività Produttive
L’attività produttiva, per il principio di precauzione e al fine di prevenire una eventuale, anche se, alla luce dei riscontri
epidemiologici, poco probabile diffusione dell’infezione da Coronavirus per il tramite di materiale utilizzati per la
protezione individuale, organizza, con il Gestore comunale dei rifiuti, la raccolta dei DPI anticovid-19 con codice EER
200301.
In assenza di casi Covid-19 + in azienda: il Gestore dei rifiuti attuerà la raccolta dei DPI anticovid-19 alla stregua di un
normale rifiuto indifferenziato (Codice EER 200301). A scopo cautelativo si utilizzeranno due sacchetti uno dentro l’altro,
raccomandando un’adeguata chiusura degli stessi con legacci o nastro adesivo e saranno smaltiti come da procedure
concordate con il Gestore.
In presenza di casi Covid-19 + in azienda: il Gestore dei rifiuti dovrà attuare le disposizioni previste al punto 2 dell’OPGR
n° 66 del 27/05/2020 (Emergenza COVID-19 – Ordinanza contingibile e urgente per consentire il ricorso temporaneo a
speciali forme di gestione dei rifiuti provenienti dalle attività produttive. Disposizioni tecnico-gestionali per il corretto
smaltimento dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI), provenienti dalle attività economico-produttive) e della allegata
Relazione tecnica, nonché Circolare n. 1/66 del 09/07/2020 (Chiarimenti). https://www.regione.abruzzo.it/content/come-fare-laraccolta-
dei-rifiuti
Il Gestore organizza il servizio di ritiro dei DPI anticovid-19 con le stesse modalità previste per la raccolta urbana
L’addetto alla raccolta dei DPI anticovid-19 concorda con l’attività produttiva la fornitura eventuale, in toto o in parte, del Kit di raccolta composto da:
a) Vademecum con indicazione dei giorni di raccolta + orari + posizionamento dei contenitori e modalità di chiusura
b) Sacco piccolo
c) Sacco grande
d) Nastro adesivo
e) Bidoni/cassonetti della spazzatura da 120/660 litri o altre tipologie di contenitori in funzione del numero dei dipendenti e della frequenza dei ritiri settimanali
La raccolta viene concordata con l’attività produttiva sia per la modalità e sia per la frequenza di raccolta
Il Gestore conferirà il materiale a:
 Impianto TMB: direttamente (impianto autorizzato con gli idonei presidi
ambientali) o, nel caso di presenza soggetti Covid-19 +, previa quarantena di
almeno 9 (nove) giorni mediante utilizzo di adeguati contenitori a tenuta, coperti
e posizionati in apposite aree protette per il relativo deposito in sicurezza.
QUARANTENA
9 GIORNI
TRATTAMENTO MECCANICO BIOLOGICO
IMPIANTISTICA GESTORE ATTIVITA’
PRODUTTIVA
GESTORE
DEI
RIFIUTI